Uno splendido esempio di come, organizzando al meglio il lavoro, si possa stampare un gamebook autoprodotto di elevato livello editoriale. In questo caso, sfruttando l'ambientazione dark/spaghetti fantasy del precedente volume Tra Catene e Cenere, ci ritroveremo in una nuova avventura con personaggi e meccaniche di gioco differenti e miscelate in maniera originale e scorrevole.

PRO

  • Ottima organizzazione dei finali per invogliare a rigiocare il volume
  • Uso innovativo della meccanica di preveggenza
  • Meccaniche solide di gestione del party
  • Regolamento immediato e snello
  • Il finale che rompe la quarta parete esorta a rigiocare il volume

CONTRO

  • I segni grafici vicini ai paragrafi particolari potevano essere più immediati
  • Corposo Bookeeping (ma meno del precedente volume)

Oggi si torna a parlare di un volume autoprodotto e, soprattutto, di come sia bello vedere autori che oltre a continuare a produrre librigame ascoltano i consigli dai lettori e si mettono in gioco per migliorarsi.

Vi parlerò così de L'ombra del Ragno, volume edito grazie al Print On Demand di Amazon e che vede nuovamente ai controlli della vicenda Edoardo Dalla Via e Leonardo Benucci, che ci faranno ritornare tra i Racconti dell'Omnis in un volume che eredita l'ambientazione del precedente Tra Catene e Cenere ma risulta decisamente più maturo e, per me, godibile. E di molto! A tal proposito ringrazio Edoardo per la copia di recensione che mi ha inviato e soprattutto per il biglietto di accompagnamento, che ha reso unico l'omaggio. Mi dispiace per l'enorme ritardo con cui ho fatto uscire questa recensione, ma purtroppo quest'anno è andato così.

Il librogame, edito nel classico formato PoD come il primo volume di questo tipo che mi capitò tra le mani (Fortezza Europa di Zamanni nel 2019), vede una copertina a colori gommata di Joao Henrique De Jesus Gomes e all'interno una impaginazione in bianco e nero che alcune case editrici professionali si sognano. Sapiente interlinea, paragrafi ben visibili, bivi evidenziati ottimamente, corretto uso dei grassetti e dei corsivi e soprattutto splendide illustrazioni a piena pagina e immagini filler art a cura di Matteo Ballati, Sara Bardi, Riccardo Madioni e Federico Pini.

Il risultato finale è così ottimo e la lettura diviene facilitata e scorrevole, dandoci modo di impegnarci solamente a cercare il corretto path tra molti per riuscire a terminare la nostra run in un racconto epic/fantasy, decisamente spaghetti e totalmente diceless. Chiaro? A parte i termini tecnici l'ambientazione è decisamente simile al precedente volume e richiama a tratti la Lore di Brancalonia, Il Cavaliere della Porta e i due Stregoneria Rusticana, quindi un fantasy "reale" che alcuni chiamano Spaghetti Fantasy, ovvero fantastico ma con gli inconvenienti della gente comune, in un gameplay interamente basato sulle decisioni e non influenzato da alcun lancio di dadi.

Dal punto di vista narrativo in l'Ombra del Ragno troveremo così una storia divisa in 2 + 2 atti, separati da dei checkpoint (tre capitoli) e i primi tre atti sono di preparazione poi allo scontro finale. Diversi colpi di scena all'interno della storia, che anche come registro narrativo scorre decisamente bene e rispetto al primo volume scivola decisamente bene, in un racconto tra il menare e il sognare, dato che ci avventureremo in parte in un mondo onirico che, per certi versi, mi ha ricordato alcuni aspetti del videogioco SpellForce. Ottima caratterizzazione dei personaggi, sia quelli che potremo impersonare che tutti gli altri che incontreremo.

La struttura risulta così differente capitolo per capitolo e sfrutta un gameplay basato sull'affinità con il party che renderà decisamente profonde le nostre scelte man mano che proseguiamo nella run, influenzando la modalità con cui rapportarci con i protagonisti della vicenda e in vista della la risoluzione del finale. Conseguentemente se avremo una più opzioni ad inizio run, man mano che procederemo, avremo le mani legate e conseguenti scelte più o meno forzate.

Il gameplay, che come preannunciato non prevede alea si basa su due meccaniche portanti e su una introduttiva scelta di uno dei tre personaggi, che obbligherà il lettore ad affrontare la run in maniera differente sia nel percorso e conseguentemente anche nell'aspetto con cui affrontare le vicende che potranno essere affrontate in maniera stealth, in chiave di menare o "mista". Del gameplay ve ne parlo meglio a seguire ma sappiate che si baserà sul costruire relazioni e sul gestire al meglio le abilità uniche del personaggio scelto, grazie ad un sistema che evolve la meccanica di preveggenza che abbiamo già visto in altri librigame come Le Fatiche di Autolico.

I due autori, in sintesi e rispetto al primo volume, hanno apportato "correzioni" al loro operato e nel dettaglio mi sembra di aver compreso che:

  • utilizzare un registro narrativo basato sul genere/conforme alla normalità del registro italiano abbia reso più scorrevole la lettura (che sia chiaro di mio preferisco un volume declinato in maniera neutra quando vi è possibilità di impersonare maschio/femmina ma in questo caso i protagonisti sono tre eroi di genere definito)
  • diminuito il book keeping, non di molto ma di un pochetto. Questo forse non è un neo, perchè a molti lettori di LG piace effettuare parecchie modifiche sul registro di gioco e del resto in questo volume risulta sempre presente. Immagino che sia una eredità degli autori e del loro provenire dai giochi di ruolo
  • modificata l'idea di rigiocabilità: nel primo volume cambiavano dei percorsi ma il grosso era sempre similare. Anche in questo caso ma in minor valore e per questo la percezione complessiva è che rigiocando il volume si possano fare percorsi ben differenti, complici le abilità diverse dei vari eroi.
  • corrette piccole sbavature: per dire in questo volume tutti gli eroi passano dal predeterminato checkpoint, nel precedente volume in alcuni casi si superava il capitolo in maniera non codificata

Come introdotto poi nei punti riassuntivi prima della vera e propria recensione mi sono poi piaciuti parecchio i finali che rompono la quarta parete ed esortano pian piano a rigiocare il gamebook con tutti i personaggi e mi è piaciuto leggermente meno l'uso di questa tipologia di segni grafici nella preveggenza dei capitoli dove, in alcuni casi, la mia scarsa vista non riusciva a riconoscerli immediatamente e forse stilizzati meglio potevano risultare più evidenti.

Complessivamente però parliamo di un volume ottimo dal punto di vista della profondità e conseguente rigiocabilità, che lo rende decisamente longevo e interattivo, grazie a game over e molteplici finali raggiungibili solo dopo varie run.

Scheda Tecnica di L'ombra del ragno

Genere
Fantasy

Introduttivo
NO

Tipo
Librogame

Tipologia
Avventura autoconclusiva

Combattimenti
Presenti

Pagine
306

Stile Narrativo
Spettacolare

Regolamento
Snello

Difficoltà
Medio

N° paragrafi
504

Percorsi alternativi
Molti

Genere del protagonista
Maschile

Diceless
Si

Anno edizione
2023

Adatto per
14/99 anni

Edizione
Standard

Richiesti
Carta, Matita, Scheda personaggio

Tipologia

librogame
Gioco
Libro

Posizione in classifica

Aggiornate al 24 febbraio 2024
  • Su 196 librigame

Trama de l'ombra del ragno

Ti ritrovi catapultato nell'universo dell'Omnis, mondo fantasy e fatato. Dopo aver scelto se essere un Ranger, un Assassino o un Mezz'orco dall'Ira facile dovrai aggirarti nel boschi dell'Umberland, cercando di fare luce sul pericolo che aleggia nell'aria. Per farlo dovrai creare relazioni e lanciarti in viaggi mistici in piani differenti da quello in cui ti trovi.

⇧ Torna al sommario

Lista dei librogame della serie Racconti dell'Omnis

Ad oggi in questa serie di librigame troviamo due titoli ma un terzo è annunciato:

⇧ Torna al sommario

Modalità di gioco

Oltre ai bivi abbiamo due meccaniche portanti: l'affinità e la "preveggenza" o abilità speciali una volta scelto l'eroe con cui affrontare la run.

Ad inizio volume troveremo una ventina di paragrafi contraddistinti dalla lettera R che ci spiegheranno le regole in-game. In questi paragrafi introduttivi troviamo anche i valori delle abilità speciali che sono persi nelle varie pagine e non hanno uno schemino sintattico a seguire. Conviene segnarseli prima di incominciare ed è giusto che non vi sia un riepilogo generale per agevolare meno chi prova a barare, spoilerandosi gli altri percorsi.

⇧ Torna al sommario

Abilità Speciali

Vi sono tre personaggi e ognuno a due abilità speciali basate sulla propria razza/classe.

  • Ranger: Esplorazione, Mortal a distanza. Tendenzialmente uccide da distanza
  • Assassino: Mortal in mischia, Occhio del Tristo, Veleni. Uccide nell'ombra
  • Mezz'Orco: Ira, Tradizioni orchestre. Uccide nel corpo a corpo

Ogni abilità si può utilizzare quando a fianco del paragrafo troviamo il segno grafico che la contraddistingue. Per attivarla dobbiamo aggiungere all'attuale paragrafo il valore dell'abilità. Non sempre è opportuno utilizzare l'abilità, come avviene anche negli altri gamebook che usano questo sistema definito in passato preveggenza.

⇧ Torna al sommario

Affinità

Man mano che proseguiamo nella run incontreremo dei PnG con cui instaurare relazioni. In funzione del nostro comportamento aumenteremo o diminuiremo l'affinità con loro. Questo valore di affinità ci potrà aiutare o penalizzare nel corso della run e nei paragrafi che potremo scegliere aumentando/diminuendo il ventaglio di scelte a nostra disposizione.

⇧ Torna al sommario

Registro del personaggio

Il nostro personaggio ha della vita, che diminuisce o aumenta nel corso della run e si incrementa nel caso passiamo di livello.

Possiamo poi scegliere che tipo di armi utilizzare (da taglio o da impatto, ad una o due mani), raccoglieremo equipaggiamento e parole chiave. La presenza/assenza di dato equipaggiamento/parole chiave in alcuni casi farà modificare la storia e la scelta dell'arma ci permetterà di scegliere/non poter scegliere dati paragrafi nel corso dei combattimenti, che sono discorsivi e non aleatori.

⇧ Torna al sommario

Per chi è adatto questo Librogame

L'ombra del ragno è un ottimo librogame per chi cerca una ambientazione fantasy e una gestione strategica del proprio party, per giocare in solitaria una avventura che prende a mani basse dai giochi di ruolo.

Valutazioni

Secondo il nostro recensore

8.05/10

Ottimo

Scopri qui il nostro metodo di valutazione

Sentiment 55/60
Interazione 40/40
Comparto narrativo 18/40
Meccaniche di gioco 28/40
Illustrazioni 10/10
Edizione 10/10

Secondo gli utenti registrati

Gli utenti di Mi.Gi. pensano che L'ombra del ragno abbia queste caratteristiche:
80%
70%
80%
80%
Il voto medio bayesano degli utenti di Mi.Gi.
 6.6/10 (1)

Per votare questo librogame e modificarne la posizione in classifica è necessario essere registrati al sito.
Registrati ora!