Pochi giochi sono riusciti a entrare in maniera così radicata nella tradizione italiana come questo gioco di società.La Tombola è sinonimo di famiglia, di festività natalizie e dello stare insieme. Chiunque ha un ricordo della Tombola nella propria infanzia, simbolo di quanto spirito di aggregazione famigliare riesca a instillare.

La ragione è nella sua essenza: un regolamento semplice e intuitivo, una partecipazione costante e attiva e una dose di competizione positiva che rende tutto più eccitante.

Il perno centrale è il famoso bussolotto al cui interno sono contenuti tutti i numeri dall’1 al 90.

I più folkloristici collegano la Tombola alla smorfia napoletana ovvero quella tradizione in cui tutti i numeri sono collegati ad un personaggio, una situazione o un concetto astratto. Il divertimento è proprio nel gridare la figura ad ogni numero, trasformando la Tombola in un divertimento partecipativo e che ben si allontana dal più classico Lotto.

Nonostante sia maggiormente giocato a Natale e Capodanno, la Tombola ha estimatori talmente affezionati che esistono siti e circoli che ne propongono un’attività quotidiana.

⇧ Torna al sommario

Descrizione del Gioco

La Tombola può essere giocata da un minimo di due partecipanti fino a un numero illimitato, o meglio limitato dal numero di cartelle che possono essere date.

Non sorprende che esistano siti e circoli con centinaia (o migliaia) di partecipanti. L’unica regola è acquistare abbastanza cartelle da soddisfare tutti, la combinazione dei numeri lungo righe e colonne è talmente varia da rendere molto difficile la ripetizione delle cartelle. In linea generale, è comunque consigliabile controllare tutte le cartelle per evitare doppioni.

Non c’è un limite di età, l’importante è che i piccoli siano in grado di riconoscere i numeri così da segnarli repentinamente.

gioco tavolo tombolaLa durata di una partita a Tombola va dai 5 ai 50 minuti, il motivo è che il Fato potrebbe premiare velocemente un giocatore permettendogli di segnare tutti i numeri di una cartella oppure, al contrario, far tardare l’uscita di alcuni numeri e lasciare che una partita duri di più.

La mancanza di una formazione di gruppi porta il gioco da tavolo ad una piena competizione dei partecipanti ma in maniera talmente bonaria che non si rischia di compromettere il buon umore generale.

La storia dietro ad una partita

Non c’è nessuna ambientazione in questo gioco in scatola ma un viaggio: la Tombola è un piccolo tour dove tradizione e folklore si uniscono in una pittoresca immagine italiana. Aggiungendo la smorfia napoletana si attraverserà la storia del nostro Paese, conoscendo figure antiche e attuali che meritano attenzione.

⇧ Torna al sommario

Posizione in classifica

Questo gioco da tavolo è presente nelle nostre classifiche relative a:

Andamento in classifica nel tempo

Guarda l'andamento di Tombola nel tempo rispetto agli altri giochi recensiti su Mi.Gi.

Prezzo nel tempo

Esamina la cronologia delle variazioni del costo di Tombola nelle diverse settimane dell'anno
fonte amazon.it.

⇧ Torna al sommario

Scheda tecnica

Età minima 4 anni
Giocatori 2/90
Preparazione 1 minuti
Durata partita 30/60 minuti
Difficoltà Molto semplice
Influenza fortuna Alta
Consigliato per Famiglie, Bambini, Adulti
Obiettivi educativi Concentrazione
Ambientazione Astratto
Tipologia Di gruppo
Classificazione Gioco di ambientazione
Nome internazionale Lotto
Anno pubblicazione 1530

Meccaniche di gioco

Creazione di Schemi
Scommesse

⇧ Torna al sommario

Nella scatola base

  • Un sacchetto
  • Un tabellone con i numeri da 1 a 90
  • 90 numeri
  • 48 cartelle
  • le regole

⇧ Torna al sommario

Le regole della Tombola

Prima di cominciare a giocare si individua la figura del croupier che avrà a disposizione un tabellone da 1 a 90 e che avrà il compito di estrarre (in gergo “chiamare”) tutti i numeri dal bussolotto. Gli altri partecipanti sceglieranno delle cartelle, in un numero indefinito, acquistandole nella fase preliminare. Il ricavato delle vendite delle cartelle verrà suddiviso, in maniera crescente, per i vari premi finali.

Le cartelle sono formate da 3 righe, ognuna di esse ospita 5 numeri e 4 spazi.
Il croupier chiamerà i numeri, uno alla volta, e darà il tempo ad ogni giocatore di controllare le proprie cartelle e segnare i numeri usciti con fagioli, frutta secca o qualsiasi altro piccolo materiale.

Nella Tombola esistono 5 momenti importanti: ambo, terno, quaterna, cinquina e Tombola.
L’ambo è raggiunto quando il giocatore segna 2 numeri sulla stessa riga della cartella, seguito poi dal terno (3 numeri), quaterna (4 numeri) e cinquina (5 numeri).

In alcune regioni si aggiunge il rampazzo, ovvero la copertura di 10 numeri posizionati su 2 righe.

Sono andato a giocare a tombola in montagna, ma non avevano le cartelle, avevano solo gli zaini. (I Fichi d’India)

La Tombola sopraggiunge quando un giocatore copre tutti i numeri di una cartella, vincendo il montepremi maggiore.

Per complicare il gioco, alcuni inseriscono una regola vincolante: l’impossibilità di vincere un secondo premio qualora la copertura dei numeri avvenisse sulla stessa riga. In poche parole, se un giocatore vince un terno non potrà raggiungere la quaterna in quanto il numero estratto è situato sulla stessa riga del terno. La ragione di questa regola è nel voler aiutare gli altri avversari meno fortunati, una regola importante in un gioco aleatorio ai massimi livelli.

Esiste una marcatura alternativa a quella classica, solitamente utilizzata dai professionisti: parliamo della marcatura francese. Se un giocatore ha molte cartelle potrebbe essere difficile segnare tutti i numeri in tempo, l’estrazione è infatti molto veloce. Per sintetizzare questo meccanismo, si utilizza un solo marcatore per ogni riga delle cartelle. Ad esempio, se si usa una monetina, la si posiziona alla sinistra di ogni riga e la si fa avanzare su uno spazio bianco qualora uscisse uno dei numeri. Il fattore positivo è un risparmio dei marcatori e un’immediatezza della marcatura ma, purtroppo, non sarà possibile sapere quali numeri siano usciti e ciò rende difficile il riconoscimento di un premio.

Un fagiolo quando muore lo seppelliscono in una tombola? (i Fichi d’India)

Se un giocatore vuole avere le stesse chance di vittoria del croupier dovrà utilizzare 6 schede. In questo modo avrà 90 numeri davanti a sé, l’importante è controllare che le schede risultino diverse per evitare doppioni e mancanze.

⇧ Torna al sommario

Preparazione del gioco da tavolo

La preparazione è rapida: tutti i partecipanti acquistano il proprio numero di cartelle, un numero indefinito, e posizionano i marcatori in un punto facilmente accessibile. Le cartelle vanno controllate perché possono risultare simili e, in questo caso, vanno cambiate. Il croupier avrà il compito di ruotare il bussolotto ad ogni chiamata, posizionarsi davanti al tabellone e tenere nota di tutti i numeri estratti. Dovrà anche raccogliere le somme in denaro e ripartire equamente i premi.

⇧ Torna al sommario

La prima partita a Tombola

Il gioco è così semplice che basta spiegare le regole e si può incominciare a giocare.

⇧ Torna al sommario

Considerazioni e opinioni sul gioco

La Tombola è un gioco da tavolo di gruppo, dove ognuno fa squadra a sé e partecipa per raggiungere la vittoria. L’imposizione di diversi premi offre un buon intramezzo di cui allietarsi e, a volte, accontentarsi se non si raggiunge la Tombola vera e propria. Il regolamento intuitivo lo rende un gioco adatto sia a grandi che piccoli, l’importante è che questi ultimi siano aiutati da un adulto qualora non fossero veloci nell’individuare i numeri.

L’interazione è indiretta, il set-up di gioco è immediato, in un gioco simmetrico non profondo.

L’aleatorierà del gioco di società è massima, il fattore Fortuna è particolarmente sentito e non c’è alcuna esperienza o strategia che tenga. I partecipanti sanno che è la Fortuna a decretare il vincitore e, i più scaramantici, scrivono il loro nome sulle cartelle senza cambiarle mai.

gioco società tombolaLa Tombola ha un elevato tasso di rigiocabilità, complice la casualità di uscita dei numeri e l’utilizzo di cartelle sempre diverse, è praticamente impossibile fare partite sempre uguali.

I materiali della Tombola sono ottimi, un cestino in vimini per raccogliere i numeri (o un sacchetto), delle schede stampate su carta rigida e tanti piccoli cerchietti di legno su cui sono impressi i numeri in rosso. C’è chi ha da 40 anni la stessa Tombola e non ha alcuna intenzione di sostituirla, anzi. Ciò che è guadagnato in ricordi è una ricchezza a cui è difficile rinunciare. L’immaginario della Tombola è lo stesso in tutta Italia ed è considerato un sacrilegio proporre questo gioco in chiave ridisegnata.

Non c’è alcuna dipendenza dalla lingua, chiunque può giocare alla Tombola a prescindere dalla propria nazionalità.

Non esistono strategie o tattiche nella tombola, ma solo una debole speranza che la Fortuna premi le proprie cartelle. Questa dinamica è meritocratica, lasciando che chiunque abbia le stesse chance di vittoria di qualsiasi altro.

A causa della forte stigmatizzazione, la Tombola è spesso relegata a gioco natalizio o per determinate categorie. Purtroppo questo luogo comune è difficile a rimuoversi. Basterebbe soffermarsi alla sola storia della Tombola, alla sua diffusione e a quanto sia ancorata alla tradizione italiana per rendersi conto che è uno dei giochi da tavolo più importanti e non merita l’oblio.

⇧ Torna al sommario

Curiosità sulla Tombola

La Tombola nasce da una combutta tra Carlo III di Borbone e Domenico Gregorio Maria Rocco. Il primo era un Re amante del gioco d’azzardo, il secondo un frate attento agli obblighi morali dei cristiani del Sud Italia. Domenico Gregorio temeva che il Lotto distogliesse l’attenzione dei fedeli dalla preghiera e perciò non voleva che questo gioco fosse legalizzato, dal canto suo il Re non poteva perdere tutti i proventi del Lotto specialmente considerato che il popolo già ci giocava in maniera clandestina. Si decise quindi di ufficializzare il Lotto a patto che ci fosse una pausa natalizia.

La passione per questo gioco era talmente alta che i napoletani si inventarono la Tombola, gioco che univa Lotto e smorfia napoletana, come attività familiare da fare durante le festività natalizie.

⇧ Torna al sommario

Versioni educative della Tombola

A parte la versione con i numeri esistono delle ottime edizioni per i più piccoli come ad esempio la Tombola degli Animali e che permettono ai più piccoli di imparare divertendosi.

Al posto dei numeri sono associati animali e oggetti, in maniera da scoprire giocando nuove parole e informazioni associate ai vocaboli estratti a sorte.

⇧ Torna al sommario

Differenti versioni/edizioni o espansioni

In commercio è poi possibile trovare una versione più “preziosa” con un dispenser dei numeri più evoluto.

⇧ Torna al sommario

Vota questo gioco

Il voto medio degli utenti di Mi.Gi.

2.4/5 (1)

Aiutaci! Se lo hai provato vota questo gioco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here