L’Isola di Fuoco è un titolo cult del 1986 che gode di nuova linfa grazie alla nuova versione della Asmodee, dopo che la versione originale è divenuta introvabile e da collezione.

isola di fuoco setupL’Isola di Fuoco anni 80 però si differenzia parecchio da questa nuova versione, dato che il gioco da tavolo originale aveva una meccanica molto semplice, forse fin troppo (gli appassionati l’hanno sempre definito un gioco dell’oca con palle infuocate), che ne limitava il pubblico a una piccola schiera.

Questa nuova versione, anche dal punto di vita delle meccaniche, risulta molto più divertente e intensa, specialmente con l’aggiunta delle due espansioni che aggiunge un quadro più completo ed differente nella modalità di gioco.

Se giocato da adulti sviluppa partite caciarone

In questa nuova edizione permane l’obiettivo principale della versione originale dell’Isola di Fuoco (conquistare il gioiello nell’Idolo sul vulcano) a cui se ne aggiungono altri. In più il giocatore ha davanti a sé un percorso molto più ricco, pur se più corto, rispetto all’Isola di Fuoco originale perciò, qualora abbiate giocato alla versione del 1986, non perdete l’occasione di provare questa nuova versione, molto più viva e adrenalinica.

Se giocato da bambini il divertimento è assicurato

La tematica è perfetta per i bambini e i ragazzi più giovani ma può donare risate anche a un adulto. Insomma, sembra che gli ideatori siano riusciti a colmare le lacune passate e a proporre qualcosa di molto più moderno e al passo con i tempi.

⇧ Torna al sommario

Scheda tecnica

Età minima 7 anni
Giocatori 2/4
Preparazione 5 minuti
Durata partita 45/60 minuti
Difficoltà Semplice
Influenza fortuna Alta
Consigliato per Famiglie, Bambini, Adulti
Obiettivi educativi Pensiero logico, Contare
Ambientazione Contemporanea
Tipologia Di percorso
Classificazione Gioco di simulazione
Nome internazionale Fireball Island: The Curse of Vul-Kar
Anno pubblicazione 2018
Produttore Asmodee Italia
Consigliato per ridotta efficienza arti inferiori

Meccaniche di gioco

Collezione risorse
Accumulare risorse per scambiare con altre risorse o per raggiungere la vittoria.
Movimento punto su punto
Sul tabellone vi sono alcuni punti che possono essere occupati da token o pedine. Questi punti sono collegati da linee e il movimento dell’elemento piazzato al di sopra può avvenire solo lungo queste linee. Se non c’è una linea di collegamento tra due punti non è possibile spostare un pezzo tra di loro.
Pesca di carte
Da uno o più mazzi il giocatore deve prendere una o più carte.
Prendi e usa
È necessario prendere un dato elemento dal tavolo per usarlo per compiere una data azione nell’immediato o nel futuro.
Programmazione Mosse / Azioni
Il giocatore deve programmare le proprie mosse o azioni, in una fase del proprio turno, per risolverle in un’altra.
Punti azione
Il giocatore ha a disposizione definiti punti da impiegare per svolgere date azioni.
Punti vittoria
Quando il vincitore è colui/ei che ha collezionato più punti vittoria, in seguito a determinate azioni nel corso del gioco.
Push your Luck
Letteralmente: spingi la tua fortuna. Consiste nel rilanciare il più possibile una data azione nel tentativo di massimizzare la resa.

⇧ Torna al sommario

Posizione in classifica

Questo gioco da tavolo è presente nelle nostre classifiche relative a:

929su Board Game Geek
(rif. internazionale)
58tra i giochi più venduti su Amazon

Andamento in classifica nel tempo

Guarda l'andamento di L'isola di fuoco, La maledizione di Vul-Kar nel tempo rispetto agli altri giochi recensiti su Mi.Gi.

Prezzo nel tempo

Esamina la cronologia delle variazioni del costo di L'isola di fuoco, La maledizione di Vul-Kar nelle diverse settimane dell'anno
fonte amazon.it.

Analisi del prezzo attuale di L'isola di fuoco, La maledizione di Vul-Kar

fonte amazon.it - ultimo aggiornamento 14 ottobre 2019
Prezzo Medio
57.36 €
Differenza sulla Media
+2.63 € (+4.59%)

⇧ Torna al sommario

Descrizione dell’isola di fuoco

isola di fuoco gioco tavoloIl gioco è pensato per un minimo di due giocatori fino a un massimo di quattro, un quinto elemento può essere aggiunto ma solo con l’espansione.

Una partita dura in media un’ora se giocato con dei bambini piccoli e mezz’ora con gli adulti.

Il regolamento è talmente semplice che allarga il bacino d’utenza fino ai bambini di età superiore ai sette anni, perfetto per poter essere giocato in famiglia! I titoli di questo genere sono rari e difficili da trovare ma L’Isola di Fuoco riesce pienamente nell’obiettivo, non lasciando che gli adulti si sacrifichino per la gioia dei più piccoli, anzi!

Dall’originale roll&move si è trasformato in un family game

La presenza di tanti elementi plasticosi e decisamente scenografici rende tutto più colorato e gradevole alla vista, complice un’isola in 3D di dimensioni spropositate e mastodontiche, sulla quale muovere i propri esploratori.

La storia dietro ad una partita

L’ambientazione è visibile fin dai primi momenti in cui si apre la scatola: un’enorme isola tropicale che nasconde un tesoro. Ruolo del partecipante è recuperarlo e scappare dagli avversari che cercheranno di riprenderselo ed è qui che c’è il fuoco. Immense palle infuocate che avranno il compito di ostacolarli e metterli K.O.. Tutti gli elementi concorrono nel suggerire quest’idea e ci riescono bene. Sarà divertente montate le varie parti dell’isola e sistemandole sul tavolo da gioco.

⇧ Torna al sommario

Nella scatola base

  • l’isola 3D scomponibile in 3 pezzi (la plancia di gioco)
  • 1 testa di Vul-Kar
  • 10 biglie (4 palle di fuoco e 6 tizzoni)
  • 4 miniature giocatore
  • 1 dado da 6
  • 1 cristallo di Vul-Kar
  • 1 scala
  • 2 ponti
  • 7 alberi
  • 58 carte (carte azione, fotografia, souvenir e 4 carte sintattiche)
  • vari token
  • 1 indicatore del cataclisma
  • 2 pannelli copertura laterale isola
  • 1 contenitore dei segnalini a forma di fauci di Vul-Kar
  • 1 elicottero
  • le regole

⇧ Torna al sommario

Le regole de L’isola di fuoco

La partita è modulata in turni in cui i giocatori dovranno giocare una carta Azione che definisce il numeri di passi che devono compiere all’interno dell’isola. Potranno procedere solo in una direzione e mai tornare indietro, esaurendo tutti i punti movimento senza potersi fermare nella stessa casella di un altro giocatore, ma riusciranno comunque ad avvalersi di una serie di azioni aggiuntive come prendere un souvenir, lanciare una palla di fuoco e molti altri diversivi che renderanno le partite a questo gioco da tavolo più dinamiche.

Regolamento e meccaniche svecchiate senza snaturare il gioco

Fondamentalmente in ogni turno si può:

  • rimettere una miniatura in piedi se coricata
  • giocare una carta azione e risolvere eventuali effetti
  • pescare una carata azione
  • ripristinare l’isola (le biglie negli appositi slot)

isola di fuoco accessoriLungo il percorso verranno raccolti una serie di gettoni che compongono il tesoro, l’obiettivo è raccoglierne il più possibile per avere un vantaggio sugli altri.

Sempre nel corso dei turni e del relativo movimento sarà possibile scattare delle fotografie, saranno le carte a sancire il dove, per aumentare i punti.

Il fulcro centrale è arrivare al centro dell’isola, laddove è nascosto Vul-Kar, la divinità del posto e rubarne il cuore che vale moltissimi punti.

Colpire o essere colpiti da palle di fuoco significa sostanzialmente ritardare il giocatore e fargli perdere parte del tesoro raggranellato, le palle di fuoco o le biglie tizzone vengono lanciate grazie alle carte azione che ne permettono l’uso. Se una miniatura colpita viene stesa a terra da un altro giocatore darà a lui un tesoro, altrimenti se si autocolpisce lo perderà e verrà messo nelle Fauci, pescando in entrambi i casi una carta souvenir. Per non venire colpiti dai tizzoni o dalle palle infuocate si potrà fare attenzione ai luoghi sicuri, in alcuni casi dati dalle radici delle palme che si possono ruotare.

Globalmente sono le carte azione che permettono di far eseguire tre tipologie di azioni:

  • rotazione o di un albero, a piacere, o di Vul-Kar, di uno scatto;
  • lancio di un tizzone (biglia gialla)
  • cataclisma, biglie rosse. Le biglie di lava vengono fatte cadere tutte e una alla volta dall’idolo di Vul-Kar.

Se un partecipante sorpassa un altro può rubargli il cuore di Vul-Kar.

La partita termina quando un giocatore riesce a scattare 3 fotografie dell’isola di colore diverso e ritorna all’elicottero, questo step gli varrà 6 punti. In alternativa, quando ci saranno 4 palle di fuoco nella riserva di Vul-Kar (indicatore cataclisma). Ora spieghiamo bene questo passaggio, A inizio della partita la riserva viene accesa con un fuoco ma, qualora i giocatori attivassero una carta Cataclisma, viene aggiunto un altro fuoco all’indicatore cataclisma. Quando ve ne sono quattro nell’indicatore o un giocatore è tornato con le fotografie all’eliporto, l’elicottero ritorna e i giocatori potranno salire a bordo.

Da quel momento in poi si potrà salire sull’elicottero entro due turni dalla fase finale della partita.

Una volta finita, verranno contati tutti i punti, in base ai tesori, alle fotografie, al cuore di Vul-Kar e al penny fortunato e stilata una classifica che stilerà il vincitore.

In due giocatori vi sono delle regole aggiuntive che migliorano l’esperienza del gioco di coppia.

Scarica le regole in italiano dell’Isola di Fuoco (PDF – 3 MB)

⇧ Torna al sommario

Preparazione del gioco da tavolo

Per la preparazione è necessario costruire l’isola montando i 3 pezzi di plastica. Essa fungerà da plancia di gioco dove tutte le pedine si muoveranno.

All’interno del percorso dovranno essere posizionate le biglie di vetro, i gettoni e il cuore di Vul-Kar.

I partecipanti sceglieranno la propria pedina e avranno due carte Azione e una carta Souvenir.

⇧ Torna al sommario

La prima partita a l’isola di fuoco

La partita è davvero semplicissima nel suo insieme perciò non è necessario compiere una partita di rodaggio ma qualora ci fossero giocatori di giovane età, è meglio fare qualche giro di prova e far capire bene il movimento delle palle di fuoco, l’unico momento leggermente più complicato rispetto agli altri.

⇧ Torna al sommario

Considerazioni e opinioni sul gioco

isola di fuoco originale
La versione originale degli anni 1980

Il gioco da tavolo risulta migliorato rispetto alla versione originale, in quanto non semplicemente un “prendi e scappa” all’interno di un percorso.

Il regolamento aggiornato ha aggiunto la possibilità di cumulare molti punti in modi diversi e quindi c’è una piccola strategia di sottofondo che si fa sentire nel corso della partita.

I giocatori non avranno solo l’obiettivo di scappare col gioiello ma anche di controllare l’operato degli altri che potrebbero tranquillamente sorpassarli nella classifica dei punteggi pur non avendo il tesoro.

L’interazione risulta così decisamente attiva non lasciando annoiare i giocatori e rendendo tutto il gioco di società più eccitante e coinvolgente, fermo restando che parliamo di un titolo decisamente leggero e ottimo come family game.

L’elemento fortuna è presente e si fa sentire, complice il meccanismo del draft, saranno le carte a sancire il numero dei passi da poter effettuare e eventuali azioni riuscendo quindi a dare un vantaggio a un giocatore piuttosto che a un altro.

Essendo un titolo per tutta la famiglia, è naturale che l’aleatorietà sia alta così che tutti partano dallo stesso livello, senza soffrire di una bravura (o di una maturità) di un soggetto in particolare. Così facendo sarà un piacere giocare all’Isola di Fuoco e non si verranno a creare malumori.

La dipendenza dalla lingua è presente, è necessario leggere le carte perciò è meglio evitare edizioni estere e puntare tutto su una lingua ben conosciuta.

La rigiocabilità è molto alta, difficile avere la stessa partita perché la casualità è all’ennesima potenza, senza considerare anche altri meccanismi come il lancio delle biglie che crea percorsi inaspettati. Se proprio dovessimo cercare uno svantaggio, oltre alla scatola troppo fragile e alla difficoltà nel riuscire a rimettere tutto il materiale di gioco dentro una volta finito di giocare, è il meccanismo dell’Idolo di fuoco che va alzato e riposizionato ogni volta. Sarebbe stato molto più semplice se avesse girato.

⇧ Torna al sommario

Curiosità su l’isola di fuoco

Il gioco è stato finanziato su Kickstarter, la piattaforma che permette di raccogliere fondi per sviluppare progetti.

La versione originale dell’Isola di Fuoco, quella degli anni 1980 per intenderci, ha un prezzo sull’usato decisamente proibitivo e in ottime condizioni si trova dai 200€ in su.

⇧ Torna al sommario

Differenti versioni/edizioni o espansioni

In commercio vi sono diverse espansioni per questo titolo, che aggiungono meccaniche e in un caso permettono di giocare fino in cinque, ma ad oggi non sono ancora state localizzate in italiano.

⇧ Torna al sommario

Vota questo gioco

I voti degli utenti di Mi.Gi. su L'isola di fuoco, La maledizione di Vul-Kar

8/10
7/10
6/10
7/10
8/10

Il voto medio degli utenti di Mi.Gi.

7.2/10 (1)

Se lo hai provato vota questo gioco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here